cane aggressivo

Cane aggressivo? Scopri come comportarti

Potrebbe capitarti di riscontrare una certa aggressività nel tuo cane. Non te lo saresti mai aspettato? Non è da lui? La verità è che l’aggressività appartiene alla natura animale quanto a quella umana. Questo, però, può essere un campanello d’allarme da non sottovalutare. La prima cosa da fare è provare a capire da cosa sia generata la sua aggressività. Le cause possono essere diverse e riconducibili a fattori esterni quanto a fattori genetici.

Perché il cane è aggressivo? Vediamo quali possono essere le cause più comuni.

  • Potrebbe avere problemi ormonali: le alterazioni ormonali causano nel cane comportamenti aggressivi, anche improvvisi e imprevedibili. In questo caso conviene recarsi dal proprio veterinario di fiducia e chiedere di fare al vostro amico a quattro zampe degli accertamenti.
  • Potrebbe sentire dolore fisico. Se avete male a un dente non diventate anche voi nervosi? Provate a capire se il vostro cane accusa dolori e di che tipo (portatelo dal veterinario!) e ricordate che, spesso, i cani anziani con non pochi acciacchi sono quelli che esprimono aggressività se qualcuno li infastidisce!
  • Ha paura. Se il cane ha paura noterete che all’inizio è spaventato e vuole scappare dall’ipotetica minaccia ma pian piano prova a difendersi ed ecco che diventa aggressivo. Tranquillizzatelo con dolcezza, le prese di posizione e la forza non servono a nulla.

  • Potrebbe trattarsi di aggressività “territoriale”. I cani, soprattutto i maschi più giovani, vogliono difendere il proprio territorio, cioè la propria casa ma anche la propria famiglia. Lo facciamo anche noi, vero? Basta fargli capire che sei tu a proteggerlo e a difenderlo facendoti riconoscere come il “padrone” dei vostri spazi. Devi essere sicuro di te, non impositivo!
  • Aggressività tra cani: è l’aggressività legata alla dominanza e può presentarsi tra cani che abitano nella stessa casa ma anche tra cani che occupano lo stesso spazio momentaneamente. Rientra tra i comportamenti naturali di un animale però può diventare pericoloso (soprattutto se lo scontro è tra femmine) e spesso è anche riconducibile a un fattore ormonale. Se l’aggressività diventa un problema e mette in pericolo voi e gli altri pensate alla possibilità di rieducare il vostro cane. Avete mai pensato di affidarvi a un addestratore cinofilo? Esistono percorsi di vera e propria riabilitazione comportamentale del cane e un professionista vi saprà guidare in questo percorso.
  • Aggressività materna. È il tipico caso in cui una mamma difende e protegge i suoi cuccioli. L’aggressività si presenta spesso sia durante la gravidanza che dopo il parto e dovrebbe venir meno con lo svezzamento. Però non tutte le femmine sono aggressive in gravidanza. Se siete premurosi e attenti non avete problemi di gestione!

Come potete notare le cause dell’aggressività del vostro amico a quattro zampe possono essere numerose e riconducibili a diversi motivi. È importante capire cosa si nasconde dietro ai loro comportamenti. La scelta più saggia è quella di affidarsi alle conoscenze veterinarie prima di intraprendere qualsiasi strada correttiva. Di sicuro possiamo assicurarvi che usare la forza per gestire la sua aggressività non serve a nulla.

Quello che conta, sin dai suoi primi mesi di vita, è educarlo correttamente. L’educazione è fondamentale e aiuta il cane a crescere sereno e a fidarsi di voi, a riconoscervi come un padrone attento e affettuoso, non come un capo. In casi di aggressività più importante, invece, contattate un addestratore cinofilo e vedrete che con un buon lavoro potrete ottenere ottimi risultati.

E poi non dimenticatevi che è importante condividere con il vostro cane anche momenti di totale serenità, valutate vacanze petfriendly, attività di crescita del vostro rapporto che prevedano ludoagility (esercizi di obbedienza del movimento sotto gli occhi di un educatore cinofilo), ma anche programmi di socializzazione e divertimento. Insomma, datevi da fare e vedrete che esistono tantissime soluzioni per gestire e risolvere l’aggressività del vostro amico a quattro zampe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *